Dizionario biografico dei presidenti delle Camere di commercio italiane (1944-2005)

E' stato pubblicato il Dizionario biografico dei Presidenti delle Camere di Commercio italiane, che copre l'arco di tempo dal secondo dopoguerra al 2005 (completando così il lavoro iniziato con le biografie dal 1862 al 1944).

Ho realizzato le biografie dei presidenti di Milano, Pavia, Varese e Lodi: complessivamente 33 schede, scritte lavorando su materiale archivistico delle Camere e di enti e istituzioni diverse. Tra i biografati, alcuni protagonisti che hanno lasciato la loro impronta nella società e nell'economia italiana ben oltre il perimetro camerale: Riccardo Enrico Jucker, Eugenio Radice Fossati, Piero Bassetti... e personalità meno note ma fondamentali per comprendere più a fondo la funzione di "incubatore di classe dirigente" che il sistema delle Camere di commercio ricopre tuttora.

Voluto da Unioncamere e realizzato dal Centro per la cultura d’impresa per le edizioni Rubbettino, il ciclo costituisce infatti la più estesa analisi delle élite imprenditoriali nell’intero territorio italiano dall’Unità ad oggi.

Questi i nomi degli autori che si sono occupati delle biografie relative a Camere di altre province, raccolte nello stesso volume (spesso sono giovani ricercatori e ricercatrici la cui esperienza di studio delle élites imprenditoriali andrebbe messa a frutto, anche con lavori di sintesi interpretativa):

Lara Piccardo, Giorgio Grimaldi, Luigi Vergallo, Davide Gobbo, Alessandro De Servi, Simone Riboldi, Angelo Stroppa, Rossella Pastoressa, Roberto Livraghi, Giancarlo Subbrero, Mario Renosio, Ivan Balbo, Giulio Ambroggio, Livio Berardo, Geoffrey Pizzorni, Luca Garbini, Lorenzo Tognato, Ivan Balbo, Federica Giommi e il sottoscritto, Francesco Samorè.

Camera di Commercio, 223 anni di storia

Camera di Commercio, 223 anni di storia
Francesco Samorè ha ripercorso il lungo cammino dell’istituzione lodigiana

"Il Cittadino", 5 dicembre 2009

"Il Giorno" - Lodi, leggi la recensione firmata da Luigi Albertini

L’economia lodigiana in prospettiva storica

Nel cimentarsi a definire il Lodigiano attraverso i “modelli”  della sua economia, si corre il rischio (non nuovo) di  una interpretazione contrapposta: “Modello di agricoltura avanzata o depressa? Piccola provincia ben integrata nell’economia regionale o esempio di diversione della ricchezza e del lavoro da un’area debole verso l’area più forte? Realtà di arretratezza alle porte della capitale economica del Paese oppure caso di “transizione dolce”, senza le fratture proprie dell’industrializzazione, di prima, seconda o terza ondata?”.

Leggi tutto...

Le imprese del gas italiane in viaggio di studio negli Stati Uniti

pubblicato da Imprese e Storia, n.36-2007

consulta l'indice del numero sul sito della rivista